La riforma della rappresentanza militare al palo

La riforma della rappresentanza militare al palo

La riforma della rappresentanza militare è ferma al palo, mentre maggioranza e governo restano con le mani in mano. Non possiamo più accettare che un tema così delicato venga continuamente ignorato. Ancor di più se questo avviene con argomentazioni davvero puerili.

In tutto questo assistiamo all’ennesima proroga di un anno del mandato e alla paralisi delle attività. Lo dimostra il fatto che il Cocer non si riunisce ormai da quindici mesi. Sono diverse le proposte di legge presentate in Parlamento. Tra queste c’è anche la nostra, che in linea con le recenti sentenze della Corte europea dei diritti umani prevede la possibilità per i militari di costituirsi in sindacato. Cosa che ad oggi non viene presa in considerazione dal maggioranza. La stesso Partito democratico al contrario continua a proporre soluzioni di comodo ben lontane dal recepimento di una disposizione che, così come confermato da emeriti costituzionalisti ascoltati in commissione Difesa, dovrebbe invece essere accolta.

Quando l’Europa ci priva della sovranità bacchettandoci con l’austerity chiniamo il capo. Invece quando fa delle proposte di buon senso il nostro Paese si oppone. E’ semplicemente autolesionistico.

In commissione Difesa i lavori del comitato ristretto che dovrebbe occuparsi di questa riforma continuano a ristagnare. Le sedute vengono rimandate di settimana in settimana nonostante le nostre rimostranze. Dopo le richieste informali abbiamo invitato una lettera formale al presidente, ma nulla si è mosso. I lavori sono fermi e i militari continuano a restare inascoltati. Il nostro timore è che con la scusa dell’ estate, delle riforme costituzionali e di tutti gli altri provvedimenti, questa legge non vedrà mai la luce. Il Movimento 5 Stelle da parte sua si batterà fino in fondo per sbloccare la situazione di un comparto al quale si chiede tanto quando si parla di doveri, ma che viene dimenticato in tema di diritti.

Info sull'autore

gianluca.rizzo administrator